12 settembre 2018 Comments (0) Equipaggiamento, Recensioni, Recensioni Ripari

Tenda Camp Minima 2 SL

La tenda Camp Minima 2 SL è una delle tende più vendute in Italia e, nonostante esistano numerose recensioni on-line, ero curioso di valutarla personalmente, trattandosi di una tenda che, essendo piuttosto leggera ed in grado di ospitare 2 persone, potrebbe adattarsi bene all’uso nel thru-hiking.

 

La Minima 2 SL fa parte della linea “Essential” di Camp, votata più alla leggerezza che al confort, di cui fa parte anche il Materassino Light Mat. Si tratta di una tenda tunnel non autoportante e necessita di 16 (!) picchetti per il suo set-up. La tenda è doppio telo ed è costituita da una camera interna in zanzariera con catino impermeabile (HH 5000 mm, non male!) e da un sopratelo impermeabile (HH 2000 mm, discutibile).

Teoricamente dovrebbe esserci un’abside anteriore ma a tutti gli effetti questo è assente. L’accesso alla tenda è qualcosa a mio giudizio di completamente folle: sebbene il venditore riporti che per accedere è sufficiente aprire la zip, in realtà è pressoché essenziale sganciare un’asola del sopratelo, complicando poi, una volta all’interno, la chiusura della tenda. In caso di pioggia tutto questo è garanzia di un pavimento della camera interna bagnato.

La Camp Minima 2 SL nel test invernale in Alta Lessinia.

 

Il montaggio è intuitivo ma non certo veloce: vi sono due pali che devono essere fatti passare attraverso due guaine della camera interna, per poi essere fissati al catino inserendo le estremità in appositi ocelli, conferendo ai pali la curvatura tipica delle tende a tunnel. Il sopratelo si fissa alla paleria con dei laccetti in corrispondenza di alcune interruzioni delle guaine. Sui lati lunghi il sopratelo sfutta i picchetti posti per la camera interna, mentre per i lati corti necessita di altri 4 picchetti per lato. Aldilà del numero elevato di picchetti, della scomodità della guaina e dei laccetti per ancorare il sopratelo alla paleria (tre cose che da sole sono già sufficienti ad infastidirmi), il problema principale è che il set-up consente l’installazione del sopratelo necessariamente in un secondo momento, rendendo inevitabile che la camera interna si bagni se sta piovendo.

La struttura e l’altezza limitata della tenda la rendono particolarmente stabile al vento, specie se si è provveduto a fissare anche i due tiranti sui lati corti. Il problema è che il tessuto molto fino del sopratelo non funge efficacemente da barriera al vento, rendendo così la Camp Minima 2 SL una tenda non adatta all’uso nella stagione invernale.

L’abitabilità della camera interna è davvero minima (confermando quanto azzeccato sia il nome di questa tenda): se lunghezza (220 cm) e larghezza (125 cm) sono comparabili con quelle di altre tende ultraleggere da 2 posti, l’altezza della camera interna di soli 89 cm (nel punto più alto) la rende piuttosto scomoda per escursionisti sopra i 170 cm. Non oso inoltre immaginare il delirio nel caso in cui la seconda persona, quella posta più lontano rispetto all’entrata, volesse uscire dalla tenda!

 

Non vi sono delle vere prese d’aria che facilitino l’areazione: questa è consentita solo dall’elevata traspirabilità del sopratelo. Durante il test invernale la formazione di condensa all’interno del telo esterno è stata notevole ma, finché non ho provato a passare dalla posizione orizzontale a quella seduta (mettendo accidentalmente in contatto il sopratelo con la zanzariera), la camera interna non si è bagnata.

L’effettiva assenza dell’abside (ci stanno le scarpe, uno zaino tenderebbe ad appoggiarsi alla zanzariera) rende difficile e rischioso cucinare all’interno, al riparo dalle intemperie.

Il peso di 1440 grammi (picchetti e tiranti inclusi) la rendono facilmente trasportabile, ma la sacca per il trasporto che viene fornita all’acquisto è davvero piccola e rimettervi all’interno la tenda può essere una vera impresa!

Il prezzo più basso che ho rinvenuto on-line è di 160 euro (170 su Amazon), ma mediamente la si trova a 200 euro. A mio avviso il prezzo è troppo alto, specialmente rispetto alle specifiche del prodotto.

Il giudizio complessivo non può essere positivo: la Camp Minima 2 SL ha sì un design pulito, accattivante, una buona stabilità e un peso interessante, ma non offre alcun tipo di confort all’utilizzatore. A parte il peso e la stabilità (conferita però mediante l’uso di un numero elevato di picchetti e di un tempo di set-up decisamente lungo), questa tenda non presenta alcuna caratteristica che la renda adatta alla pratica del thru-hiking o del trekking da più giorni. A riprova di questa valutazione non me la sono sentita di utilizzarla durante alcun thru-hike, limitandomi a testarla in tre diverse condizioni atmosferiche (notte fredda invernale con vento medio-forte, notte piovosa primaverile, notte calda estiva).

Per il prezzo di vendita vi sono numerose alternative di qualità superiore (e anche di peso inferiore). Un prodotto comparabile ma con specifiche decisamente più interessanti è la tenda Geertop Landloper 2 (poco più pesante ma molto più economica e con caratteristiche decisamente appetibili).

La Camp Minima 2 SL: design pulito ed elegante ma poca funzionalità e nessun confort.

 

 

Confort: 30%

Leggerezza: 65%

Ingombro: 60%

Stabilità: 75%

Aereazione: 50%

Prezzo: 50%

Total Score 55%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *