10 luglio 2018 Comments (0) Novità, Tutorial

Tarp tutorial: la Piramide a base romboidale

La Piramide a base romboidale è un setup che può essere realizzato con un tarp quadrato 3 x 3 metri. Conferisce una protezione eccellente dalle intemperie fornendo uno spazio d’alloggio sufficiente per due persone sdraiate.

Vantaggi

  1. Setup semplice da realizzare.
  2. Sono sufficienti 4 picchetti e un bastoncino da trekking per il setup.
  3. Protezione dalle intemperie ottima.
  4. Spazio sufficiente per due persone sdraiate.
  5. Configurazione ottimale in caso di forte vento.
  6. Richiede uno spazio ridotto per il setup.
  7. Buon isolamento termico dall’esterno.
  8. Se utilizzata da due occupanti, ognuno può disporre di un’entrata.

Svantaggi

  1. L’altezza ridotta riduce il confort.
  2. Formazione di condensa significativa in climi rigidi.
  3. È utile, se non necessario, utilizzare un tarp con numerosi ocelli e/o asole.

Quando si usa

Questa configurazione è particolarmente adatta per una o due persone che vogliano dormire rimanendo protetti efficientemente dalle intemperie. Essendo un setup semplice e che richiede pochi punti di ancoraggio, è forse la scelta migliore in ambienti climaticamente difficili (forte vento, precipitazioni abbondanti). Il contraltare è rappresentato dalla necessità di avere un tarp con numerosi ocelli e/o asole, solitamente più costoso rispetto a modelli più semplici.

Istruzioni

  1. Distendere il tarp al suolo.

    In rosso sono indicate le asole che verranno utilizzate in questo setup. In azzurro il punto (in molti tarp è presente un’asola che da verso l’esterno) in cui verrà collocato il bastoncino da trekking.

  2. Picchettare due vertici opposti. In questo step il telo non deve risultare in tensione, anzi è possibile avvicinare di una decina di centimetri i due vertici spostandosi lungo la diagonale.
  3. Picchettare quindi gli altri due angoli unendo le asole immediatamente successive a quella di vertice. Il telo deve essere ben teso tra questo nuovo punto di ancoraggio e i due angoli precedentemente picchettati.
  4. Liberare momentaneamente una delle asole appena picchettate generando un “flap” che permetta d’infilarsi al di sotto del tarp.

    Togliendo un’asola dal picchetto si può accedere al di sotto del tarp. Questo sistema crea l’entrata di questo setup.

  5. Posizionare un bastoncino da trekking, con la punta metallica verso il basso, al centro del tarp ed allungarlo finchè tutte le diagonali verso i picchetti risultino ben in tensione.
  6. Uscire da sotto il tarp e fissare nuovamente l’asola al suo picchetto. Aumentare la tensione generale aggiustando la posizione dei picchetti.
  7. È possibile picchettare al suolo le altre asole libere per aumentare lo spazio abitabile e per incrementare la stabilità della struttura.
  8. Negli angoli in cui due asole sono state picchettate assieme si sono venuti a formare due “flap” piuttosto ridotti. Questi possono essere messi in tensione verso l’esterno sfruttando un cordino e un ulteriore picchetto, oppure ripiegati verso l’interno e tesi contro una parete grazie a un cordino che lo colleghi a un picchetto di un’altra asola o ad uno collocato ad hoc.

 

Facilità di setup: 75%

Protezione: 95%

Confort: 70%

Comodità di accesso: 50%

Total Score 78%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *